Knowledge management

Introduzione

Nell’attuale contesto competitivo, l’abilità delle aziende di sfruttare strategicamente ed accrescere gli asset intangibili è diventata una leva fondamentale per l’ottenimento di una posizione distintiva ed ha assunto un’importanza paragonabile, se non maggiore, alla capacità di investire e gestire i tradizionali asset fisici. Il capitale intellettuale, le competenze, la reputazione e le relazioni interpersonali rappresentano risorse essenziali per un’organizzazione nella definizione dei principali strumenti di gestione del cambiamento e nel raggiungimento di un vantaggio competitivo. Attraverso il knowledge management, le organizzazioni sono in grado di identificare, generare e sviluppare “conoscenza” al fine di creare valore e di supportare il change management.
 

Obiettivi

Il corso si propone, in primo luogo, di illustrare ai partecipanti l’importanza strategica delle risorse intangibili relativamente alle dinamiche organizzative e psicologiche innescate dal cambiamento organizzativo. In secondo luogo, il corso mira a trasferire le competenze necessarie e gli approcci metodologici per la definizione e l’implementazione di pratiche di gestione della conoscenza coerenti con il business concept dell’organizzazione. Infine, si forniranno gli strumenti per analizzare e valutare i principali strumenti di gestione del cambiamento e per comprendere le leve tecnologiche, organizzative e gestionali per il knowledge management.

Contenuti
Nel corso saranno approfondite quattro tematiche principali inerenti il ruolo degli intangibili all’interno delle organizzazioni e le implicazioni a livello di change management.

Argomenti:

  1. Caratteristiche e ruolo chiave degli asset intangibili: la conoscenza ed il capitale intellettuale.
  2. Le filosofie manageriali di gestione del cambiamento. Il processo e gli strumenti di gestione del cambiamento
  3. Strategie di knowledge management ed implementazione di un programma di knowledge management: descrizione dei processi chiave ed analisi dei processi aziendali coinvolti; gli strumenti a supporto dell’implementazione di un programma di knowledge management; casi di studio ed applicazioni.
  4. Il governo dei processi di cambiamento organizzativo. Tipologie di cambiamento e sviluppo organizzativo. La valutazione dei risultati del cambiamento: cause, strategie e principi per la riorganizzazione.

 

Programma

1 Lezione
Introduzione al corso.
Conoscenza e vantaggio competitivo: dalla resource-based view alla knowledge-based view. Elementi di tassonomia della conoscenza. La società della conoscenza. Gestione della conoscenza e capitale intellettuale. Il processo di creazione del valore. Cambiamento e innovazione come necessità. Le imprese di fronte al cambiamento. Gli individui di fronte al cambiamento.

2 Lezione
Formulazione di una strategia di conoscenza. Implementazione di una strategia di conoscenza. Bilanciamento tra creazione ed applicazione della conoscenza. Scelta tra personalizzazione e codificazione. Processi chiave di knowledge management. La creazione della conoscenza: modello SECI. L’integrazione della gestione della conoscenza nei processi dell’impresa. Lo sviluppo delle persone e delle relazioni a supporto del cambiamento organizzativo. Il programma di gestione della conoscenza. Casi pratici.

3 Lezione
Lo sviluppo di un sistema di gestione della conoscenza. Le leve organizzzative, tecnologiche e gestionali per il Knowledge Management: i Knowledge Management Systems. Il fenomeno dell’Enterprise 2.0. Il ruolo delle tecnologie e l’emergere della comunità di pratica. Dalle comunità di innovazione all’Open Innovation. Approcci per la valutazione degli intangibili e della performance. Rassegna critica dei metodi di valutazione degli intangibili più significativi.
 

Materiale didattico

Dispense distribuite dal docente.
La lista seguente riguarda testi e articoli utili di riferimento per un eventuale approfondimento:

  • D. Campisi, G. Passiante, Fondamenti di Knowledge Management – Conoscenza e Vantaggio Competitivo, Aracne Editrice, 2007.
  • A. Cravera, M. Maglione, R. Ruggeri, La valutazione del capitale intellettuale, Il Sole 24 ore, 2001.
  • G. Gabrielli, Conoscenza, apprendimento, cambiamento. La gestione dei programmi di knowledge e change management, Franco Angeli.

Le persone interessate potranno avere dal docente indicazioni su letture aggiuntive.
 

Modalità di svolgimento e di valutazione

La valutazione si baserà sia sulla partecipazione dei singoli allievi durante il corso, sia sui risultati di un esame scritto finale.