Gestione delle Risorse Umane

Introduzione

La teoria moderna considera il rapporto di impiego una relazione complessa; i contratti divengono più sofisticati, e la motivazione si estende all’analisi di emozioni e dei valori di impresa. Maggiore attenzione è rivolta al capitale umano, la cui importanza, ai fini del vantaggio competitivo, è oggi evidenziata sia dagli studiosi delle organizzazioni che dai dirigenti di impresa. Le risorse umane sono infatti la fonte del vantaggio competitivo delle aziende e delle nazioni. Le tecniche e le politiche con cui l’azienda gestisce la selezione, la formazione e lo sviluppo, l’organizzazione del lavoro, la valutazione, la retribuzione e la partecipazione possono effettivamente modificarne il posizionamento competitivo? A tale domanda cerca di rispondere questo corso, passando in rassegna i principali strumenti operativi messi a punto dalla teoria e dalla pratica gestionale.
 

Obiettivi

Il corso è autocontenuto, e pur approfondendo alcuni aspetti imprescindibili per la gestione delle risorse umane, non richiede alcuno studio preliminare. E’ tuttavia consigliabile aver assimilato i contenuti del corso di Analisi Economica e Progettazione delle Organizzazioni.

Alla fine del corso sarete in grado di:

  • Analizzare la politica dell’occupazione, del reclutamento e della risoluzione del rapporto di impiego;
  • Illustrare i mercati interni del lavoro, i ruoli e la politica delle promozioni;
  • Discutere l’importanza e la forma della retribuzione, della valutazione delle prestazioni e dell’incentivazione;
  • Esaminare modelli e tendenze della remunerazione dei dirigenti;
  • Conoscere i problemi inerenti le relazioni industriali, le acquisizioni e le fusioni, il lavoro interinale.
  • Conoscere e applicare concetti quali l’intelligenza emotiva, la comunicazione non verbale, l’analisi transazionale.
  • Comprendere le vostre esigenze, vivere meglio le vostre esperienze lavorative, e accrescere la probabilità di raggiungere i vostri obiettivi professionali.

 

Materiale didattico e di approfondimento

Testo di riferimento:

Costa G., & Gianecchini M. (2005), Risorse Umane: persone, relazioni e valore, McGraw-Hill: Milano.
 

Ulteriori libri e/o articoli

  • Milgrom P., Roberts J. (1994), Economia, organizzazione e management, Il Mulino – Prentice Hall International, Bologna. (Capitoli 10-13).
  • Costa G. (a cura di) (1992), Manuale di gestione del personale, UTET, Torino.
  • Daft R. (2001), Organizzazione aziendale, Apogeo, Milano. (Capitolo 9).
  • Roy F.R., Acs Z.J., Gerlowski D.A. (1998), Management and Economics of Organization, Prentice Hall Europe, Hemel Hempstead. (Capitoli 12, 13).
  • Berne, E. (1964), A che gioco giochiamo, Bompiani, Milano.
  • Chalvin D., Delaunay D., Lapra J.P., Muller J.L., Teboul J., Bussat F. (1998), L’analisi transazionale, Franco Angeli, Milano.
  • Goleman D. (1996), Intelligenza emotiva, Rizzoli, Milano.
  • Goleman D. (1999), Lavorare con intelligenza emotiva, Rizzoli, Milano.
  • Lowen A. (1985), Il linguaggio del corpo, Feltrinelli, Milano.
  • Fast J. (1983), La politica del corpo, Mondadori, Milano.
  • Kay I.T., Shelton M. (2000), The people problem in mergers, The McKinsey Quarterly, n. 4.

Le persone interessate potranno avere dal docente indicazioni su letture aggiuntive.
 

Modalità di svolgimento e di valutazione

La valutazione si baserà sulla partecipazione attiva e sul risultato di una prova scritta individuale.
 

Programma

  1. Il ciclo del valore delle risorse umane: le persone, le relazioni, la prestazione, la valorizzazione. Le persone: competenze e motivazioni. L’intelligenza emotiva. La programmazione del personale. (Costa, Giannechini capp. 2, 3, 4)
  2. Mercati del lavoro, ruoli e promozioni. Reclutamento e selezione. Le relazioni: i sindacati, la negoziazione, il contratto di lavoro. La prestazione: sviluppo e formazione, organizzazione del lavoro (Costa, Giannechini capp. 5, 6, 7 (cenni), 8 (cenni), 9, 10)
  3. La valorizzazione: valutazione, remunerazione, partecipazione. La comunicazione. L’analisi transazionale. (Costa, Giannechini capp. 12, 13, 15)