Decisioni senza mercato: la strana economia della P.A.

Introduzione

Avete mai provato sulla vostra pelle l’inefficienza dell’Amministrazione Pubblica (in breve PA)? Quanto spende la PA vi sembra eccessivo al confronto dei servizi da essa effettivamente resi?  Non si tratta di malafede, ma del fatto che l’impiegato pubblico non è il servitore dello stato di cui si è sempre favoleggiato, bensì è un uomo che, come gli altri, tende a rendere più grande possibile il proprio tornaconto ovvero, come dicono gli economisti, a massimizzare la propria utilità.  Questo comportamento del funzionario pubblico e con lui di tutta la PA è reso possibile da un sistema di procedure e da strutture che, invece di favorire l’emulazione e il miglioramento, incentivano la massimizzazione del privilegio e l’inefficienza di chi è addetto alla gestione della cosa pubblica. Il malfunzionamento dell’amministrazione pubblica non è frutto solo di dolo, corruzione e/o incompetenza ma c’è qualcosa di più profondo, quasi di perversamente razionale nel comportamento amministrativo.  Da qui il corso che analizza, per l’appunto, un modello economico dell’Amministrazione Pubblica (della Burocrazia tanto per intendersi) che formula un modello matematico rigoroso della PA da cui nascono molte previsioni e molte indicazioni tese a favorire un oggettivo miglioramento della PA stessa.
 

Obiettivi

Il corso è stato concepito per persone che non possiedono un esteso background di teoria economica, pur mantenendo i contenuti a livello avanzato. Gli obiettivi principali del corso sono:

  • Illustrazione dei principali aspetti della teoria economica della Pubblica Amministrazione;
  • Illustrazione dettagliata della matematica del modello di PA;
  • Discussione dell’applicazione del modello all’analisi delle prestazioni della PA.

 

Materiale didattico

Slides tratte da:

  • Burocrazia e Pubblico impiego: la sfida liberista di William A. Niskanen. a cura di Elisa Battistoni, Andrea Lapiccirella, Tiziana Micolitti (2012). Hoepli editore.

 

Modalità di svolgimento e di valutazione

La valutazione si baserà sia sulla partecipazione dei singoli Allievi durante il corso, sia sui risultati dell’esito delle diverse esercitazioni che faranno parte integrante del corpo delle lezioni.
 

Programma

Il modello base di Niskanen del Burocrate Massimizzante

  1. La domanda e l’offerta nell’ufficio pubblico discriminante e non discriminante
  2. Le equazioni cardine niskaniane nel caso dell’ufficio pubblico discriminante e nel caso di quello non discriminante
  3. Diversi mercati messi a confronto:
    1. Monopolista privato non discriminante
    2. Monopolista privato discriminante
    3. Mercato concorrenziale perfetto
    4. Ufficio pubblico non discriminante
    5. Ufficio pubblico discriminante
  4. Effetto della Variazione della condizioni di domanda in un ufficio pubblico
    1. Variazione del parametro a della curva di domanda
    2. Variazione congiunta dei parametri a e b della curva di domanda
  5. Effetto della variazione delle condizioni di offerta dei fattori produttivi ad un ufficio pubblico
    1. Variazione del parametro c della curva di offerta
    2. Variazione congiunta dei parametri c e d della curva di offerta
  6. La funzione di utilità del Burocrate Niskaniano: condizioni di ottimizzazione
  7. L’ufficio pubblico che acquisisce i fattori produttivi da due diversi fornitori
  8. Le Organizzazioni nonprofit